Home 2019-02-25T19:39:21+00:00

La casa editrice Munari Cavani Publishing

Munari Cavani Publishing (MCP) è l’ultima creazione di Alessandro Munari e Raffaele Cavani, fondatori dello Studio Legale che porta il loro nome. Una nuova avventura che Munari e Cavani affrontano con le altre due socie dello Studio Legale, Francesca Broussard e Alessandra Fossati, e che nasce dalla volontà di allargare i confini culturali tradizionali dell’attività professionale.

Non solo diritto, quindi, ma curiosità intellettuale in senso trasversale, con il tratto di mecenatismo artistico che da sempre caratterizza gli interessi e le attività culturali di Munari Cavani. MCP, con il suo progetto, soddisferà sollecitazioni diverse, curiosità, esplorazioni di linguaggi e forme comunicative che vanno oltre lo studio e la conoscenza di leggi e norme, aprendo all’economia, al cinema, all’arte e alla cultura in generale.

MCP inaugura la collana Comunicazione e Informazione

La collana Comunicazione e Informazione, diretta da Alessandro Munari, è dedicata a saggi, studi e contributi scientifici sul comunicare.

Il valore delle parole, i modelli espressivi, la forma e il contenuto dei messaggi: un luogo di incontro e dibattito critico, da Gutenberg a Zuckerberg.

Reputazione e social network

Come e quando si può esercitare quella tutela che la recente normativa europea definisce – romanticamente – come diritto all’oblio, e che gli autori nordamericani di inizio Novecento chiamavano, più prosaicamente, “diritto ad essere lasciati in pace”? Fino a che punto siamo effettivamente proprietari delle informazioni, che volontariamente decidiamo di affidare all’etere (per necessità, per lavoro, per il piacere della socializzazione, o anche soltanto per vanità)? Come e quando possiamo effettivamente “richiamarle indietro”, o invece dobbiamo responsabilizzarci e convivere con l’idea che – premuto invia – quei dati inizino a vivere di vita propria, indipendente e talvolta oltre e contro le nostre stesse intenzioni? Come e quando proteggerci dai piccoli Golem, che proliferano a ritmo vertiginoso e si amplificano in una platea potenzialmente planetaria, e sostanzialmente deregolamentata? Questo saggio offre al lettore gli strumenti tecnici per formarsi un’opinione propria, suggerendo spunti critici di approfondimento, in altri proponendo possibili provocazioni.

Acquista il libro
Acquista l’ebook

La diffamazione tra media nuovi e tradizionali

Informazione non è più sinonimo di giornalismo: non esiste più (o soltanto) il binomio informazione-giornalista, dove l’informazione si identificava quasi esclusivamente con la carta stampata e la televisione. Da Johann Gutenberg a Mark Zuckerberg molto è cambiato: gli utenti, il linguaggio e il valore del sapere. Il lavoro propone un approfondimento normativo e di casi pratici nel settore dell’informazione a partire dai mezzi di comunicazione tradizionale fino al Big Bang mediatico determinato dall’avvento e dal consolidamento di internet. Quali responsabilità per un post lesivo della reputazione altrui? Il blogger risponde dei commenti lasciati dai suoi followers? Si può sequestrare una pagina di una testata on line? E di un blog?

Acquista il libro